Naomh

From grvitawiki
Jump to: navigation, search

Foreste di Naomh

Stemma di Naomh, illustrato da Elisa Giovannini

In questa Regione è possibile creare un Personaggio Giocante per la Campagna Vaniria. Segui anche il gruppo Facebook di Naomh!

Custode

Dùnythir, il lupo con corna di cervo.

Custode di Naomh, illustrato da Alberto Rotili e Michele Ponzo

Motto

Possa la tua Caccia essere propizia.

Tipo di Governo

Diarchia elettiva, a cui si affianca un consiglio di Tribù. Il potere è esercitato dal Padre dei Cervi e dalla Madre dei Lupi, cariche decise per acclamazione fra i prescelti inviati da ogni tribù, che dopo essere stati investiti celebrano il vincolo dell'unione. Il governo della regione è diviso tra le tribù legate ai vari totem che si sono divisi la Grande Foresta, ma tutti i capi rispondono ai due sovrani che risiedono nella capitale. Per le decisioni più importanti, tuttavia, vi è un Consiglio delle Tribù, composto dai due sovrani, dai Signori delle altre quattro Tribù, dall'Alto Druido e dalla Somma Bandrui.

Razze

La maggioranza della popolazione è umana, ma si rilevano presenze più o meno cospicue di tutte le altre razze. Egys e nymal fanno spesso parte dei feroci Nemityan, sebbene taluni facciano parte anche delle pacifiche tribù di Naomh.

Descrizione

Le Foreste di Naomh sono, come indica il nome, per la maggior parte occupate da ampi boschi e foreste estese, tagliate da numerosi fiumi e ruscelli. I rilievi di una certa importanza sono quasi del tutto assenti, se si esclude la catena dei Monti di Ruhad a nord e poche altre alture. I fiumi più importanti sono l'Erevan, il Leoican e il Mannegar, detti i Tre Fratelli, che attraversano tutte le foreste che compongono Naomh. Essi sfociano tutti nel grande lago di Inis, che sorge al centro delle Foreste e che è ritenuto sacro ed inviolabile. In particolare, l'isola che vi sorge al centro è proibita a tutti eccetto che all'Alto Druido e alla Somma Bandrui, giacché si ritiene che sia il luogo dove si manifestano i Due Sposi.

Aileen, Saggia delle Erbe - Foto di Laura Della Calce

Lo stile di vita dei Caeldyr è molto spirituale, volto a preservare l'Equilibrio e l'Ordine della natura e dei luoghi dove vivono, seguendo i cicli delle stagioni. Essi vivono in comunione con la natura, cacciando e raccogliendo dalla foresta quanto occorre loro per sopravvivere. L'agricoltura e l'allevamento sono praticate in maniera rudimentale, soprattutto nelle zone più vicine a Vernobia, le uniche che presentano un terreno adatto allo scopo. Le risorse sono messe in comune, e di solito equamente distribuite tra la popolazione, in virtù dei bisogni di ciascuno e della comunità. Tuttavia, non è insolito che alcuni tra i guerrieri più abili, i sapienti più potenti e i nobili più importanti abbiano ingenti ricchezze o risorse personali dovute al loro status. L'intera nazione è divisa in Cinque Tribù, a loro volta divise in Clan divisi in caste. La casta più bassa è quella del popolino: pescatori, allevatori, cacciatori, raccoglitori, agricoltori ed artigiani fanno tutti parte di questa casta. Sopra di loro vi sono i guerrieri: tutti coloro che imparano a combattere per la loro Tribù o il loro Clan sono oggetto di grande rispetto da parte di quanti proteggono. In cima alla gerarchia sociale si trovano i Druidi e le Bandrui, esponenti della casta sacerdotale che governano i Clan e prendono le decisioni più importanti per la comunità, si occupano delle cerimonie e dei rituali e tramandano la storia in modo orale. Lo Spirito di ogni uomo appartiene solo agli Dèi: non è consentito avere schiavi o possedere qualcuno contro la sua volontà. Inoltre, la parità dei sessi è considerata sacra, in omaggio all'esempio divino dei Due Sposi.

Nimue


Culto

Vi è un solo culto ammesso, quello dei Due Sposi Berngal e Fianna, che rappresentano il dualismo della Natura e del Mondo. Il culto nasce dall'unione del culto di Berngal, il Re delle Fronde, e Fianna, l'Astro Ululante, adorati da due popolazioni che in tempi antichi si unirono dando vita al popolo dei Caeldyr. Il primo, rappresentato solitamente come un cervo, è considerato come la parte maschile della natura, la parte razionale, l'agricoltura, la concordia ed il giorno, mentre la seconda, rappresentata come una grande lupa dal manto grigio o nero, è associata alla parte femminile della natura, alla caccia, alla lotta, agli istinti e alla notte. Il culto viene amministrato dai Druidi e dalle Bandrui, uomini e donne religiosi che si occupano di compiere tutti i riti, d'interpretare i segni ed i pronostici e di tramandare le tradizioni e la storia, oltre che di consigliare i capi delle tribù nelle varie decisioni della vita di tutti i giorni. Solitamente vi sono un Druido e una Bandrui per ogni insediamento, ma tutti rispondono all'Alto Druido e alla Somma Bandrui. Non vi è un tempio vero e proprio in cui il culto è praticato, ma le cerimonie sono svolte in vari luoghi naturali come radure, grotte, laghi o alberi di particolare splendore ed associati alla presenza del divino, contrassegnati a volte da pietre scolpite o incisioni sacre e votive.

I Due Sposi, illustrati da Vanessa D'Ambrosio

Capitale

Rovine di Vernobia. Si tratta delle rovine di un insediamento appartenuto ad una civiltà scomparsa da secoli, il misterioso Popolo delle Stelle, ormai quasi completamente divorata dalla vegetazione. In quella che un tempo era la piazza principale è cresciuto nei secoli un albero unico nel suo genere, di dimensioni ciclopiche, detto Albero del Ferro, per la durezza del suo legname: alla sua ombra vengono prese tutte le decisioni più importanti. La popolazione è equamente divisa, senza distinzione di sesso, età o ricchezza, ed abita la maggior parte delle rovine agibili, oppure capanne e tende di pelli e rami intrecciati. In mezzo alle rovine scorre l'ampio e profondo fiume Erevan, attraversato da pochi ponti e su cui viene praticata la pesca da alcune imbarcazioni rudimentali. La città presenta una cerchia di mura semidiroccate, le cui brecce sono state rimpiazzate da palizzate di legno e postazioni d'avvistamento.

Province

Armorea

La zona meridionale di Naomh è abitata dal Popolo dell'Orso. Il loro governante è Adrasta “l'Indomabile”, un imponente druido-guerriero la cui moglie è stata uccisa dai Nemityan durante una violenta razzia. L'Armorea è la patria dei guerrieri più abili e capaci nella lotta, e qui sia gli uomini che le donne sono estremamente prestanti dal punto di vista di forza e resistenza.

Tarania

La zona occidentale di Naomh è abitata dal Popolo dell'Aquila, guidato da Luern “la Selvaggia”. I cosiddetti “arcieri delle foglie” sono considerati selvaggi anche dai loro fratelli, e sono la popolazione che vive più a contatto con la natura e nella maniera più ferale. Spesso si dipingono il volto con pitture rituali e si tatuano il corpo con simboli sacri, convinti di evocare gli spiriti guida. Provetti arcieri, sono i migliori cacciatori e cercatori di piste.

Ludessia

La zona settentrionale di Naomh è abitata dal Popolo del Gufo. Chiamate anche “i molti in movimento”, queste genti vivono allo stato seminomade, seguendo i grandi branchi di cervi a cui danno la caccia e stabilendosi in luoghi precisi a seconda delle stagioni dell'anno. Guidati dal vecchio ed eccentrico Cailleach “dai Molti Inverni”, i membri del Popolo del Gufo sono considerati generalmente un popolo saggio, che sa sempre come cavarsela e che ama esplorare nuovi luoghi e conoscere nuove cose.

Vidussia

La zona orientale di Naomh è abitata dal Popolo del Serpente. La Vidussia è la parte di Naomh dove vi era la maggior concentrazione degli insediamenti del Popolo delle Stelle, ed in particolare i loro sanguinosi templi. In seguito all'insediamento in queste rovine da parte dei membri del Popolo del Serpente, le loro conoscenze sulle materie occulte e sui segreti arcani sono cresciute enormemente, e ora Cairpre “dagli Occhi di Fuoco”, la Bandrui che guida questa tribù, è considerata la più esperta in materia di tutta Naomh.

Vernobia

La zona centrale di Naomh è un luogo ospitale, rigoglioso e pacifico, abitato dal Popolo del Lupo e del Cervo. La capitale omonima sorge qui, sulle rive dell'Erevan, ed è il luogo dove vivono i due sovrani.

I Figli delle Notti Scure

In alcune notti, quando la luna non brilla e il cielo è nero, solamente la costellazione di Dùnythir continua a risplendere. In queste notti, considerate di cattivo presagio poiché Fianna non benedice i suoi figli, si ritiene che spiriti dalla natura mutevole, talvolta benigna talvolta maligna, possano camminare indisturbati per la terra, ed entrare nel corpo dei neonati. Chiamati i Figli delle Notti Scure, questi neonati sono comunque accolti dalla comunità, e si considerano fratelli e sorelle fra di loro. Quando raggiungono i sette anni di età, i Figli vengono portati nella Foresta di Nimea, dove druidi-guerrieri e bandrui appartenenti alla stessa stirpe li addestrano a sviluppare le loro capacità, finché non sono giudicati pronti a tornare nella società, aiutando a seconda delle loro abilità. Fra di loro vengono anche scelti i Cercatori delle Vie, ovvero persone dotate di una particolare sensibilità e perspicacia nel trovare i sentieri che si aprono nel wrax.

Kerrigan, Sciamana dipinta - Foto di Laura Della Calce

Livello Tecnologico

Il livello di sviluppo delle Foreste di Naomh è piuttosto basso. In seguito al crollo della civiltà del Popolo delle Stelle, molte delle conoscenze architettoniche, belliche e scientifiche sono andate perse ai tempi della rivolta di Wikas e Bellissa. La metallurgia è conosciuta, anche se rozza, ed i principali metalli lavorati sono il bronzo e il ferro, oltre all'oro e all'argento. L'agricoltura e l'allevamento sono rudimentali, e poco praticate se non nelle zone più “civili”. Anche l'architettura è piuttosto semplice.

Sentieri

Naomh ha Sentieri stabili che la collegano a Ingranya e Tèrengrat.

Storia

La storia della nascita della nazione Caeldyr viene tramandata dai Sacerdoti ai giovani adepti, attorno ai fuochi. Il luogo dove oggi sorgono le Foreste di Naomh era un tempo dominato dal misterioso Popolo delle Stelle, una civiltà estremamente evoluta che si dice fosse chiamata in questo modo per le sue vastissime conoscenze astronomiche su si basavano la sua architettura ed i suoi oscuri riti. Questa popolazione aveva schiavizzato il popolo Atayan, sfruttandolo per coltivare le terre ed innalzare colossali strutture e sacrificandone i membri sugli altari dei loro sanguinari dèi. Accadde un giorno che il popolo Wakiyan, abitante delle Foreste e nemico del Popolo delle Stelle, insorse ed attaccò la città di Vernobia, cingendola d'assedio, per liberare la loro Regina, Bellissa, caduta prigioniera e destinata ad essere sacrificata. Nonostante i loro sforzi, però, gli assedianti non riuscivano a portare a termine l'assedio, finché Wikas, il capo degli Atayan, non guidò il suo popolo contro i loro padroni in una rivolta che portò alla caduta della città e al crollo della civiltà del Popolo delle Stelle. In seguito a questo, i due popoli degli Atayan e dei Wakiyan si unirono in un'unica nazione, dando vita ai Caeldyr. Nei secoli successivi, i Caeldyr iniziarono ad espandersi in tutte le ampie Foreste di Naomh, dividendosi poi in cinque grandi tribù che si spartivano il territorio e le risorse, venerando la Coppia Divina e la natura stessa. I conflitti tra le tribù non erano particolarmente frequenti: le più grandi minacce per la pace provenivano dai Nyfred, gli “spiriti malvagi” provenienti dal wrax, e la feroce popolazione dei Nemityan, composta principalmente da egys e nymal, abitante le zone più inospitali delle Foreste.

Luoghi d’Interesse

Isola di Inis: è il luogo più sacro di tutta Naomh. L'isola sorge al centro dell'omonimo lago, ed è coperta da una fitta vegetazione. Si dice che al centro vi sia una radura con una fonte d'acqua cristallina, il luogo ove la Coppia Divina si è unita la prima volta dopo la fusione dei popoli di Wakiyan e degli Atayan. Cammino delle Lacrime: questo cammino è una via che si inerpica nel fitto della foresta in un dedalo di altre vie, che conducono in luoghi ignoti e pericolosi. Viene chiamato in questo modo a causa delle numerose lacrime versate per quanti vi si sono smarriti e morti. Foresta di Pietra: si tratta di una porzione delle Foreste in cui non si sa esattamente cosa sia accaduto. Le storie raccontano che in una notte accadde “qualcosa”, e tutti gli alberi e la vegetazione la mattina successiva furono trovati pietrificati. Alcuni raccontano di una “bestia” che col suo soffio ha pietrificato l'intero luogo, altri della rabbia di Fianna per un rito blasfemo compiuto da una congrega di Druidi corrotti.

Personalità

Thuatha

Umano: uno dei due sovrani, il cui titolo è “Padre dei Cervi”, Thuathal è un uomo imponente, che guida il suo popolo in tempi di pace e nelle battaglie contro i Nyfred ed i Nemityan. Come tutti i “nobili”, è anche un Druido ed è un grande esperto di arti arcane e strategia bellica, oltre che un abilissimo vate. Estremamente saggio e riflessivo, è un sovrano amato e benvoluto da tutto il suo popolo, che vede in lui una guida luminosa e salda.

Liath

Umana: una dei due sovrani, la “Madre dei Lupi” è una donna dal portamento fiero ed altero, dai modi spicci e che ama far parlare i fatti più delle parole. Spesso lontana dalla capitale, alla guida del suo popolo durante le Grandi Cacce, Liath è anche un'abile e feroce guerriera, che spesso conduce personalmente i suoi compagni e le sue compagne in battaglia. La sua ferocia ed imprevedibilità l'hanno resa una donna temuta dal popolo, che vede in lei la personificazione di Fianna, l'Astro Ululante.

Niramis

Egys: nonostante abbia ormai molte primavere sulle spalle, Niramis riesce ad esercitare la sua carica di Alto Druido senza alcun tentennamento. Abile spadaccino, Niramis è noto per essere un uomo schivo, che passa la maggior parte del suo tempo a vagare per la Grande Foresta meditando, studiando i segni e combattendo i Nyfred e la loro influenza sul Makir. Secondo le storie, egli è l'unico mortale a cui sia stato concesso di bere dalla Fonte di Inis, e si vocifera che in realtà vaghi per Naomh da molte più lune di quante si pensi.

Dicca

Tennar: la Somma Bandrui è la più giovane donna che si ricordi abbia mai ricoperto questo incarico. Dotata di un indubbio carisma e di grande fascino, Dicca è la sorella minore di Cairpre e si dice che condivida con lei molte delle sue conoscenze arcane. Molto amata dal popolo, che la crede benedetta dal tocco di Berngal, ed estremamente capace nonostante la sua giovane età, Dicca porta sempre con sé un corno intarsiato con strani disegni che si dice appartenesse ad uno dei capi dei Nemityan, il cui suono sarebbe in grado di risvegliare, in caso di estremo pericolo, il Custode di Naomh stesso, per difendere i Caeldyr.

Herghest e Medhib Teutis

Umani: i gemelli Teutis, fratello e sorella, sono lo spauracchio dei nemici dei Caeldyr. Questi due giovani umani furono trovati molto tempo fa in mezzo alla foresta da Niramis, ancora infanti, allevati da un lupo e da una cerva, e la cosa fu vista come un segno della benedizione degli Sposi Divini. Cresciuti a Vernobia, i due gemelli crebbero in salute e in forza, instradati alla cerchia dei Druidi e delle Bandrui. Divenuti Sacerdoti Guerrieri, Herghest riuscì a domare Creos, il Cervo Reale, mentre Medhib divenne l'unica in grado di avvicinare Frijia, il Lupo Sacro, ed in virtù di questi avvenimenti diventarono i capitani rispettivamente dei Campioni delle Fronde e delle Furie della Luna, i due gruppi di guerrieri più forti di Naomh.

Nomi Tipici

Le lingue di riferimento sono quelle celtiche e gaeliche. Gli abitanti di Naomh hanno spesso nomi brevi, seguiti da un epiteto che ne descrive un tratto caratteriale o un particolare dell'aspetto fisico, come ad esempio Chua “Capelli d'Argento” o Ekki “Senzapace”. Esempi di nomi femminili: Arwyn, Brigit, Cerys, Eiddwen, Gwyneth, Siobhan, Ygerna. Esempi di nomi maschili: Aedan, Caradoc, Gareth, Hywel, Kenneth, Owain, Tristan.

Eiru, Furia della Luna - Foto di Laura Della Calce

Detti Popolari

"Ulula al sole": affronta un problema in maniera errata. "Ringhia come un cucciolo": non è una vera minaccia. "L'Aquila cerca il blu più profondo del cielo": non bisogna soffermarsi alle prime apparenze, ma indagare a fondo.

Consigli sul costume

Per i costumi e le scenografie dei loro personaggi, i giocatori di Naomh possono trarre ispirazione dalla cultura celtica (con particolare riferimento ai Britanni, stanziati nelle attuali Gran Bretagna e Irlanda), in un periodo che va dall’VIII secolo a.C al I secolo d.C. Non è necessario attenersi accuratamente ad un determinato periodo o costume tradizionale: al contrario, sono benvenute contaminazioni tra gli stili dei vari luoghi e secoli indicati, oltre a quelle con elementi fantasy. Non sono però concessi elementi che si allontanino troppo in termini di spazio e di tempo dai limiti indicati: ad esempio costumi da antichi greci, costumi arabi, elementi di abbigliamento novecenteschi, gonne con crinolina. È concesso l’uso del kilt, per quanto la sua origine sia molto più tarda, in considerazione del suo ruolo ormai accreditato nell’immaginario comune, che lo lega alla cultura celtica anche antica.11 La galleria che trovate al link qui sotto vi può dare utili spunti, ma se avete qualunque dubbio su elementi del vostro costume potete chiedere il consiglio dello staff nel gruppo Facebook della vostra Regione.

Galleria Pinterest con ispirazioni per il costume